A dicembre, quando la fredda sera fa presto capolino con le stelle che punteggiano il più terso dei cieli e quando la neve ammanta i tetti e i paesaggi circostanti, piccole e grandi città ospitano tra le proprie vie i suggestivi mercatini di Natale. Il Cadore, territorio che si estende nel bellunese ai piedi delle vette dolomitiche tra le quali il Sorapiss e le Tre Cime di Lavaredo, mostra a Natale il suo volto più romantico e più fiabesco, con numerosi mercatini natalizi che assumono un’atmosfera magica grazie alle tradizioni antichissime del luogo e alla meravigliosa cornice naturalistica di cui godono.

Il mercatino di natale di Cortina d’Ampezzo

Anche Cortina d’Ampezzo, perla e borgo più mondano del Cadore, alle porte del Natale viene trasformato dallo spirito natalizio. Il celebre e frequentatissimo Corso Italia che si stende ai piedi del campanile della settecentesca Chiesa dei SS. Filippo e Giacono, ospita da 1 dicembre al 7 gennaio il tradizionale mercatino di Natale. Una ventina di tipiche casette di legno illuminate e addobbate a festa, esporranno per i visitatori ogni tipo di prodotto artigianale, dai decori natalizi alle candele, dai manufatti intagliati nel legno agli eleganti ricami fino agli immancabili giocattoli. Indimenticabili melodie natalizie si diffondono nell’aria accompagnando tutti coloro che si aggireranno tra le casupole simili a chalet montani, gustando magari le leccornie tipiche quali l’inebriante vin brulè e le fragranti caldarroste.
Uno degli eventi più attesi durante il periodo natalizio a Cortina è l’accensione delle 25 finestre dello storico palazzo antica sede del Municipio: si tratta di un grande calendario dell’Avvento e ogni giorno, fino alla Vigilia di Natale, si illumina una finestra esponendo un immagine legata alla Natività. Piazza Dibona il 5 dicembre vede l’ingresso di San Nicolò che, attorniato da angioletti e diavoletti, regala doni ai più piccoli. Ma è il 6 dicembre l’evento maggiormente legato alla cultura e alle tradizioni cadorine: Cortina vedrà sfilare tra le sue vie innevate i krampus che, con il loro aspetto terrificante e il sinistro suono dei campanacci, spaventeranno grandi e piccini, fino ad arrivare al suggestivo “Rifugio Averau” dalla cui terrazza panoramica si gode di una vista spettacolare sulla Tofana di Rozes, sul monte Civetta e sulla Marmolada.

Natale nella città di Tiziano

Anche Pieve di Cadore, alle falde del monte Antelao e paese natale del geniale pittore Tiziano, allieta le famiglie con un suggestivo mercatino di Natale che illumina in particolare la centrale Piazza Tiziano, sulla quale si affacciano edifici storici tra i quali il quattrocentesco “Palazzo della Magnifica Comunità Cadorina”: la bellezza di questo evento è la sua atmosfera intima e raccolta. Le casette di legno non sono tante, ma la merce esposta è legata alle migliori tradizioni del Cadore non solo artigianali ma anche gastronomiche: si potranno infatti trovare addobbi natalizi ma anche squisiti formaggi di Malga. E non può mancare la cassetta della posta dove i bambini potranno imbucare le loro lettere piene di desideri, indirizzate proprio a Babbo Natale.

Mercatini di Natale negli altri borghi del Cadore

Molti altri sono i centri del Cadore che allestiscono mercatini di Natale, da Borca di Cadore a Selva di Cadore, da Auronzo di Cadore, dove le bancarelle illuminano Piazza Santa Giustina, a Lorenzago dove un grande albero di Natale si staglia nella piazza principale, fino ad arrivare a Sappada. Quest’ultimo borgo, situato tra la Carnia e il Cadore, abbracciato da boschi, laghi alpini al cospetto delle Dolomiti, è noto ogni anno per il “Natale nel Cuore di Sappada” in scena dal 5 dicembre al 5 gennaio con casette di legno che espongono, col profumo dello zenzero e della cannella nell’aria, manufatti artigianali in ceramica, in legno o in feltro, e presepi realizzati in materiali ecologici.