Auronzo di Cadore è una delle località dolomitiche che anche in estate si rivela la scelta giusta per le vacanze di tutta la famiglia. Luoghi incantevoli, buona cucina, eventi, ed escursioni sono tra i motivi che invitano a visitare la zona dolomitica.

L’estate ad Auronzo di Cadore

Auronzo di Cadore sorge sulla riva sinistra del Lago di Santa Caterina, formatosi dopo la costruzione della diga nel 1931. I suoi panorami comprendono le Tre Cime di Lavaredo, che rappresentano un valore aggiunto della zona dichiarato Patrimonio Unesco; sono raggiungibili con le escursioni che possono intraprendere sia i neofiti che gli amanti del trekking professionistico.
Scegliere di trascorrere l’estate ad Auronzo di Cadore significa vivere un periodo di relax in mezzo alla natura e alla gente accogliente del posto.
Il lungolago è uno dei luoghi più frequentati sia per chi vuole fare una passeggiata a piedi o per chi sceglie di percorrere la pista ciclabile.
Gli scenari naturalistici sono quelli tipici montani, che d’estate si trasformano in distese verdi dove dedicarsi a diverse attività, tutte divertenti sia per adulti che per bambini.
Tra queste c’è la pista a monorotaia Fun Bob, che parte da un’altezza di circa 1300 m. Si tratta di una pista che simula la discesa sulla neve ed è una delle attrazioni più divertenti e apprezzate da tutti i turisti, che possono godere di una vista spettacolare.
Un’altra attrazione che interessa tutti è il Tre Cime Adventure Park, che permette di provare l’ebrezza della prova in altezza su ponti di corda e pedane in legno. Alcune raggiungono i 20 m e gli istruttori sono sempre presenti per rendere tutto sicuro e divertente, anche per i bambini.
Se vi state chiedendo cosa potete fare in estate ad Auronzo di Cadore e nei dintorni, sappiate che la bellezza di questi luoghi invita alla scoperta. La pista ciclabile lungolago porta fino a un altro noto specchio lacustre, quello di Misurina.

Leggi anche: Itinerari in bicicletta 

vacanze estive Auronzo di Cadore
È una tratta deliziosamente pittoresca che attraversa anche la Riserva naturale orientata di Somadida all’interno della quale si incontrano abeti bianchi e rossi, il faggio e il larice, ma anche una ricca fauna. Tra gli animali che potreste incontrare ci sono i cervi, gli scoiattoli, i camosci e il gallo cedrone e, tra i maestosi volatili, l’aquila reale e il falco pellegrino.
La riserva mette a disposizione dei visitatori anche la biblioteca del bosco gestita dal Corpo Forestale dello Stato, che conta centinaia di volumi.
Durante il percorso si scorgono le vette del Sorapiss, delle Marmarole e del Cristallo, fino al lago di Misurina di un colore blu intenso, dentro il quale si specchiano le vette.
Durante l’estate ad Auronzo di Cadore potreste anche dar visita a museo unico nel suo genere come quello degli occhiali. Qui la fabbricazione delle montature per occhiali è, infatti, una delle attività più diffuse.

Leggi anche: Musei nel Cadore

Trascorrere il periodo estivo nel Cadore vi farà provare da vicino l’emozione di vivere le escursioni tra valli e altopiani, rocce e verdi pascoli, in una cornice che invita a un rispettoso silenzio per godere di uno spettacolo naturale unico.

L’escursione sulle Tre Cime di Lavaredo

Une delle escursioni più ambite dell’estate ad Auronzo di Cadore è quella sulle Tre Cime di Lavaredo. Il percorso si snoda tra sentieri in piano, in salita e in discesa sterrati, lungo il quale si incontrano rifugi come quello di Lavaredo e diversi piccoli laghi, ma anche la piccola Chiesa di Santa Maria Ausiliatrice.

Leggi anche: I rifugi nel Cadore

Per gli amanti delle passeggiate nei boschi e tra i prati c’è anche la possibilità di fare escursioni a cavallo o in bicicletta.
Auronzo di Cadore è famoso anche per la gastronomia e i piatti tipici da gustare presso diversi ristoranti e tipiche malghe, come gli gnocchi al ragù di carne da selvaggina o la polenta preparata in diversi modi, anche con i formaggi tipici (lo Shitz) e i salumi (la soppressata nostrana).
Le vacanze in estate nel Cadore saranno un concentrato di vita sana e divertimento genuino, con aria pulita e panorami da cartolina.

Leggi anche: Itinerari sui monti del Cadore