Gli itinerari naturalistici nel Cadore sono l’ideale per coloro che desiderano sfuggire all’afa estiva ed immergersi nella natura. Quest’area comprende il territorio delle Dolomiti bellunesi e i percorsi tra cui è possibile scegliere sono davvero moltissimi, adatti a tutti i gusti.

Escursione al Lago di Misurina

Tra i più amati itinerari naturalistici nel Cadore vi è sicuramente quelli attorno al Lago di Misurina, nel Parco Naturale Tre Cime. È possibile approfittare di alcune escursioni gratuite in modo da avere a disposizione una guida pronta a mostrarvi gli scorci più incantevoli e deliziarvi con storie e miti locali. All’inizio del percorso potrai godere appieno del panorama, caratterizzato dal limpido specchio d’acqua blu al centro e le alte cime delle montagne che si riflettono in esso. Si può scegliere di dirigersi verso il Rifugio Fratelli Fonda Savio e, per farlo, bisogna attraversare un sentiero boschivo davvero incantevole. Secondo la leggenda, queste foreste sono i capelli di Sorapiss che si trasformò in montagna per poter esaudire il desiderio dell’amata figlia Misurina. La piccola tuttavia cadde da un precipizio e le lacrime del padre scivolarono sotto forma di ruscelli che confluirono formando l’omonimo lago.

Escursione alle Tre Cime di Lavaredo

Il giro delle Tre Cime di Lavaredo è un altro dei più popolari itinerari naturalistici nel Cadore e prevede principalmente percorsi per escursionisti allenati, in quanto sono presenti alcune aree più ripide e con un dislivello di quasi 500 metri. È possibile partire dal Rifugio Auronzo e proseguire lungo un sentiero tra prati verdi, che si estende fino al Rifugio di Lavaredo. Già da lì potrete ammirare una magnifica vista sulle famose cime dolomitiche, di cui la maggiore presenta un’altitudine di 2998 metri. Da qui vi è un sentiero in direzione del Rifugio Locatelli, la destinazione finale: si tratta del punto più panoramico dell’area, situato a ben 2400 metri d’altezza, e regala uno spettacolo unico non solo sulle Tre Cime, ma anche su altre montagne.
Durante quest’escursione è inoltre possibile visitare diverse trincee e campi di battaglia utilizzati durante la Prima Guerra Mondiale. L’intera zona, infatti, è compresa nel Museo all’aperto della Grande Guerra.

Escursione nella Riserva Naturale Somadida

Nel territorio meridionale del Cadore c’è un’altra destinazione magica, ideale per coloro che amano le escursioni nei boschi. La Riserva Naturale di Somadida, infatti, si estende per oltre 1600 ettari ed è caratterizzata da un’area prevalentemente forestale. Spiccano le selve di abeti rossi e bianchi, che attorniano stradine che sembrano uscite da vecchi libri di fiabe. Se volete godervi l’ombra e il fresco per allontanarvi per almeno mezza giornata dalle alte temperature estive, non rimarrete delusi. Potrete apprezzare splendidi fiori tipici delle dolomiti, come il giglio martagone e la piroletta soldanina, ed incontrare caprioli, camosci, cervi, volpi, aquile reali e molte altre specie di animali.

Leggi anche: la foresta Somadida

Escursione in Val Talagona

Tra gli itinerari naturalistici nel Cadore, molto apprezzato dalle famiglie è quello che attraversa la Val Talagona. I percorsi sono infatti molto semplici, con un dislivello minimo, quindi adatti anche ai bambini. La vallata si estende sulle sponde occidentali del Lago di Centro Cadore e presenta una variegata vegetazione. Uno scorcio davvero delizioso si trova lungo la salita di un torrente, il quale si presenta come una piccola cascata; i massi secolari che la formano sono coperti da un muschio quasi nero, che dona sfumature particolari alle acque limpidissime.